Tutti gli articoli di renatadance

Video Vintage

Ecco, forse “vintage” è un tantino eccessivo per definire questi video.
Dieci anni fa, ballavo da solo tre anni, ma avevo già ottime idee.
Questi filmati li avevo messi online all’epoca, c’era stata una discreta quantità di lavoro dall’idea, alle riprese, al montaggio. Con il passare del tempo, però, vedevo tutti i difetti dei movimenti e quindi decisi di toglierli dal web.
Forse non fu una decisione saggia, chissà.
Li rimetto adesso, eccoli qui dopo dieci anni come se fossero nuovi.
Ne ho anche altri a onor del vero, ma intanto iniziamo con questi.

Annunci

Torve Fantasie – esperienza cinema

Lo devo dire, mi sono proprio divertita.
È ancora presto per vedere il risultato che sarà reso pubblico tra circa un anno, ma prendere parte alle riprese di un film è stata un’esperienza interessante, che ancora non è finita, per quanto riguarda la parte che mi coinvolge c’è ancora una scena da girare, in un giorno o forse due.

Sono stata invitata a partecipare come comparsa al nuovo film di Diego Bonuccelli: “Torve Fantasie”, mi era già stato fatto un invito in tal senso, per un altro film, un paio di anni fa, ma purtroppo per ragioni logistiche non ero riuscita a prendere parte all’azione. Questa volta ci sono e con molto piacere.
Il primo giorno, il primo ciak, è tutto così strano, ti ritrovi in mezzo a persone che non conosci, devi costruire un momento immaginario e tutti assieme dare vita a qualcosa che attualmente è solo nella testa del regista.

torveFantasie1

Lavorare assieme per uno scopo comune, ma assieme a chi, chi sono queste persone?
È così, all’inizio non conosci nessuno, se non un paio di volti con cui mi ero già incontrata una volta ad uno spettacolo. Da una giornata di riprese all’altra ci si comincia a conoscere, si crea un legame e tutti assieme ci si diverte ancora di più. Le ultime riprese sono state all’insegna delle risate, ci siamo davvero divertiti.

Non ci conosciamo un granché, ci vediamo solo per le riprese, ma crediamo in un progetto comune e vedere qualcuno che lavora con passione per realizzare i propri sogni, come fanno qui il regista e i suoi collaboratori è davvero un piacere.

Per quanto riguarda il film in produzione, riporto qui il comunicato ufficiale:

Quarto lungometraggio di Diego Bonuccelli.
In Torve Fantasie gli sceneggiatori prendono un secolo di cinema e lo rimpastano in un film di difficile catalogazione, un po’ commedia, un po’ grottesco ma anche con momenti di azione ed inquietudini disturbanti.
In Torve Fantasie ci sono molti riferimenti e citazioni cinematografiche, da Buster Keaton a Martin Scorsese, da Tarantino a Laurel e Hardy e altri ancora.
Il titolo però è frutto di una citazione letteraria tratta da Giambi ed epodi, Libro I, Per le nozze di Cesare Parenzo, del primo premio Nobel per la Letteratura, il nostro conterraneo Giosuè Carducci:
“ Gittò, gittò la soma De le memorie pie;
E con la mente doma
Da torve fantasie,
Solitario, aggrondato,
Va pe ’l divin creato. “
Iniziate le riprese il 24/07/2018, uscita prevista fine primavera 2019.

Avrò una faccia da cinema? Chissà!

Le foto di scena sono prese dalla pagina facebook del film: torvefantasie

Vi aspetto sul red carpet!

Voglio imparare a suonare il darbuka

Quando mi metto in testa una cosa…

myDarbukassono anni che ho in casa un darbuka, uno di quelli semplici, senza decorazioni, il minimo indispensabile. Semplice ma funzionale, insomma, fa il suo dovere.

Anni fa acquistai un dvd con la spiegazione della tecnica base e qualche ritmo. Fino ai primi esercizi tutto bene, ad un certo punto i neuroni e le dita non riuscivano più capirsi e ho in parte accantonato l’idea. Non del tutto però, forse non era il momento giusto.

Da diversi mesi ho ripreso il mio amato darbuka e ho ricominciato a darci di Dum Tek e ka e qualche cosa è uscito fuori. Il materiale a disposizione per poter imparare è cresciuto e prova e riprova ho fatto discreti miglioramenti.

Il dramma è che una volta imparata una cosetta vedi che ce ne sono altre mille e quelle semplici non ti bastano più, vuoi fare quelle difficili, perchè il darbuka è il darbuka, se ti appassioni è come la danza, ti prende e vuoi fare sempre un passetto in più.

Dopo aver fatto gli occhi languidi e aver perso sospiri dietro al darbuka dei miei sogni alla fine me lo sono comprato, è mio. Mi ha fatto penare ma ora è nelle mie mani e con uno strumento così adesso devo imparare per forza tirarne fuori qualcosa di buono. Strada da fare ce n’è, intanto ho ottenuto qualche risultato con la tecnica “splitted finger”, essì perchè la tecnica turca e araba mica è la stessa, si scoprono un sacco di cose.

Mentre continuo ad allenarmi con i finger rolls, il tremolo, l’effetto pioggia battente, continuo a indagare e scopro che c’è molto, molto di più. Insomma, c’è da studiare parecchio.

Cimbali – 5 – quintuple

State studiano i cimbali per poter accompagnare le vostre esibizioni di danza del ventre? Avete imparato le triplette, il pattern a 3, e volete qualcosa di più?

Allora è giunto il momento di procedere con il pattern a 5.

L’esecuzione è relativamente semplice, si tratta di eseguire cinque tocchi consecutivi iniziando con la mano destra e alternando destra sinistra.

Ricordiamo le notazioni utilizzate:
R: mano destra – L: mano sinistra
Tek: suono della mano destra, Ka: suono della mano sinistra

  • 12345 – 12345 – 12345…
  • RLRLR – RLRLR – RLRLR …
  • TekaTekaTek – TekaTekaTek – TekaTekaTek…

Per esercitarvi potete seguire il video che mostra l’esecuzione prima lentamente e poi a ritmo più sostenuto:

https://www.youtube.com/watch?v=L_0PY6Y5Pb4
La foto di copertina è di Gionata Aladino Canova

Notti d’Oriente

L’avventura danzante di quest’anno è stata quella delle Notti d’Oriente con le tappe di: Monsummano Terme, Seano, Empoli, Signa.
Manifestazioni dedicate al mondo orientale e medio orientale, con esibizioni, dimostrazioni, stand di vario genere. In sintesi, una grande festa.

Una delle cose che più mi piace, durante gli spettacoli, è quella di creare un feeling con gli altri artisti e costruire con loro qualcosa di nuovo al momento, si sale sul palco, si da il via alla musica e nasce la sinergia. L’improvvisazione porta sempre qualcosa di nuovo e inaspettato, è come entrare in un universo parallelo, ma questo è un lungo discorso che ben si abbina agli artisti in generale.

A Seano, tra un’attesa e l’altra, Samira Fernandes mi regala uno dei suoi meravigliosi tatuaggi all’henne con tanto di brillantini. Oh guarda, c’è anche il nostro amico Marcello Calasso con i Suoni di Seba, è dallo scorso novembre al Festival dell’Oriente di Carrara che non ci vediamo.
Alla serata di Empoli, o meglio Sovigliana, ho il piacere di incontrare di nuovo la grande Kaoru, maestra di cerimonia del te e molto altro. È con noi anche un’altra graziosa ballerina di danza del ventre, la nostra nuova amica Nila Amal. Foto prima e dopo il trucco.

Il giorno dopo lo passo in albergo e annessa piscina con Samira Fernandes e Sandra Gomez, due splendide ballerine di danza del ventre o danza orientale che dir si voglia, non formalizziamoci sul nome. Eccoci qui in viaggio verso la nostra prossima esibizione.

Purtroppo qui i palchi si dividono, e non possiamo danzare tutte e tre assieme, comunque un pezzo improvvisato con Samira ci scappa. Una musica a caso presa al volo e via. In qualche punto sembriamo coordinate, ma giuro che non ho mai sentito prima questo brano ed è la prima volta che balliamo assieme. Potere della musica e della danza.

Le Notti d’Oriente sono un progetto di Maurizio Mosi, con noi nella foto scatta nella prima tappa di Monsummano Terme con Sameer Bhatt, Kaoru Kobayashi e il presentatore Mario.

nottiDorienteMonsummanoSquadra

Alla prossima avventura!

Cimbali – 3 – triplette

I cimbali sono uno degli accessori più accattivanti della danza del ventre. Sono un vero e proprio strumento musicale, permettono di accompagnare le danze seguendo e arricchendo il ritmo della canzone.

Le triplette sono uno dei pattern base che si adoperano a questo scopo. Quando si è alle prime armi, si può danzare su un brano intero utilizzando anche solo questo ritmo base.

Queste sono le diverse notazioni utilizzate per descriverle:
R: mano destra – L: mano sinistra
Tek: suono della mano destra, Ka: suono della mano sinistra

  • 123 123 123…
  • RLR RLR RLR …
  • TekaTek TekaTek TekaTek…

Per esercitarvi potete seguire il video che parte lentamente per poi accelerare

La foto di copertina è di Gionata Aladino Canova

Movimenti del bacino: lock in 4 punti – cerchio interno (omi)

Tratto da: “Danza del Ventre Movimenti e Figure” di Renata Bandelloni

Il blocco in 4 punti e l’omi si eseguono facendo gli stessi passaggi con il bacino. Nel primo caso i movimenti i movimenti vengono eseguiti a scatto, nel secondo sono legati e morbidi.

Considerando il destro come fianco di riferimento, i 4 passaggi sono:

  1. contrarre gli addominali laterali a destra, facendo così sollevare il fianco destro,
  2. mantenendo questa contrazione contrarre anche il bacino chiudendolo in avanti,
  3. rilasciare il fianco destro,mantenendo la contrazione del bacino
  4. rilasciare anche la contrazione del bacino.
 Contrai il fianco di riferimento  Contrai anche il bacino, mantenendo la contrazione sul fianco
omi1  omi2
rilascia il fianco di riferimento, mantenendo la contrazione del bacino  rilascia anche il bacino
omi3  omi4

Per eseguire il movimento in direzione contraria, è sufficiente ripetere i quattro passaggi indicati concentrandosi sul fianco sinistro invece che sul fianco destro.

Nel caso del blocco a 4 punti, i movimenti saranno piccoli e scattosi, ogni singola fase dovrà essere ben definita ed evidenziata.

Nel caso dell’omi il passaggio da una fase all’altra sarà morbido e i quattro passaggi saranno eseguiti in modo continuo, come a formare un unico movimento. Per dare maggior evidenza alla figura, rendendola più ampia, si può aggiungere lo scivolamento laterale del fianco: a sinistra mentre contraggo il fianco destro e a destra mentre rilascio lo stesso fianco.

 

Bitcoin alla riscossa


Se qualcuno avesse investito in bitcoin poco tempo fa, adesso si troverebbe con un bel gruzzoletto da parte. Il valore del bitcoin, sceso quasi a 200 euro, sta sfiorando i 1000 euro, i conti potete farli da soli.
In un vecchio articolo elencavo diversi faucet da cui era possibile ottenerli gratuitamente, all’epoca le elargizioni erano maggiori, causa impennata del valore della moneta virtuale i contributi sono diminuiti, ma sono pure sempre validi.
Molti dei vecchi “rubinetti” non sono più attivi, sono cambiati alcuni meccanismi e ci sono stati aggiornamenti, ecco quindi un elenco di nuove possibilità.
Per i pagamenti potete utilizzare sia l’indirizzo del vostro portafoglio virtuale, wallet, oppure un semplice indirizzo email, facendovi un account su xapo.

Guadagna Bitcoin
Fate attenzione, dovrete sorbirvi parecchie pubblicità e tenere sott’occhio i diversi pop-up che potrebbero aprirsi, però funzionano.

Moon Bitcoin
Daily Free Bits
bitcoinker
welovefaucets1
welovefaucets2
welovefaucets3

Faucet che pagano solo tramite xapo
freebitcoindaily
faucetlatino
satoshilandia
grifodebitcoin
movilbits
facilbits
bigcoin
gentlebitcoin
satoshininja
satoshitos
zeusfaucet
satoshicumbia
satoshi24
xapofreebits
superxapocoins
superbits
satoshiheaven
satoshimonkey
easybits
crazycoins
hollywoodbits
burguercoins
circobit

Utilizza i tuoi Bitcoin
E che ci faccio adesso con tutti questi bitcoin?
Posso utilizzarli per acquistare buoni Amazon, skype o altro su GiftOff
Investirli su eToro e ottieni 200$ di credito gratuito (investimento deposito)
o BitMagnet SCAMMER ALERT!
Venderli su anyCoinDirect (acquisto, vendita)

Donazioni
Se l’articolo vi è stato utile e volete aiutarci a mantenerlo aggiornato facendo una donazione, potete utilizzare il seguente indirizzo:
1JYt4Njwjbd8uByectZvUQZoj5p6ZSvP2C

Il Duo ReA e le magie d’Oriente. Festival dell’Oriente di Carrara, edizione 2016

Le emozioni sono ancora forti, indelebili tracce di una giornata fantastica. La partecipazione del Duo ReA al Festival dell’Oriente di Carrara, edizione 2016 è stata un successo, i volti entusiasti della piccola significativa folla radunata davanti allo stand nei momenti delle esibizioni ci hanno riscaldato i cuori, non ci aspettavamo un così grande e caloroso riscontro.

Duo ReA (Renata – Aura) allo stand di Stardust e  i Suoni di Seba

Profonda gratitudine per Alessio Boni e Marcello Calasso che, non solo ci hanno ospitate nello stand di Stardust e i Suoni di Seba, ma ci hanno trattate come vere e proprie principesse. Danzare sulla musica degli strumenti dal vivo è ben altra cosa rispetto a una traccia audio registrata. I suoni densi e corposi fanno vibrare, i movimenti nascono da soli, si amalgamano alla musica e tutto nasce e prende vita sul momento.

Duo ReA (Renata – Aura) improvvisazione con Marcello Calasso e Alessio Boni: danzare o suonare, questo è il problema

La disponibilità al gioco, la voglia di creare, ha reso possibile la magia, quella sottile e potente energia, la sinergia perfetta che si è creata e che ha dato vita a momenti unici e indimenticabili.

Impareggiabile il casuale ritrovarsi a improvvisare creando ritmi fondendo cajon, tabla e cimbali, tutto si può, basta osare e utilizzare quel pizzico di follia creativa che ci muove.

Foto Show con il duo ReA (Renata – Aura) a Le Village Berbere di Fathi

Un altro momento che ricorderemo con gioia è il foto show che è nato allo stand allestito con le rappresentazioni di tigri, cammelli e elefanti e una spettacolare tenda berbera con tanto di cuscini e narghilè. Grazie alla disponibilità e alla cortesia del signor Fathi de “Le Village Berbere”, proprietario dell’allestimento, abbiamo potuto portare a casa degli scatti unici e originali e abbiamo potuto vivere il nostro speciale sogno d’oriente. L’impresa sarebbe stata impossibile senza il fotografo Marco Pasquini, che anche in questa occasione ci ha dato la sua disponibilità seguendoci nella nostra avventura, immortalando per noi momenti indimenticabili.

duoreaallstaff

Arrivederci alla prossima volta!

Le foto in questo articolo sono di Marco Pasquini.