Esecuzione dei movimenti: onda verso il basso (bellyroll down)

Il movimento ad onda eseguito solo con il ventre, il bellyroll, è uno dei movimenti più accattivanti della danza del ventre.  La sua esecuzione non è banale, ma con la corretta tecnica e una giusta dose di esercizio,  si possono ottenere degli ottimi risultati.

Per poter eseguire l’onda bisogna imparare a controllare la muscolatura addominale, in modo da riuscire a muovere indipendentemente la parte superiore e la parte inferiore. Come esercizio ci si può allenare a contrarre solo la parte superiore degli addominali, lasciando rilassata la parte inferiore, quindi provare a contrarre solo la parte inferiore, lasciando rilassata quella superiore, e questa solitamente è la parte che risulta essere meno naturale.

bellyRollDown Esecuzione: contrarre la parte superiore degli addominali, lasciando rilassata la parte inferiore, quindi contrarre anche la parte inferiore. Rilassare la parte superiore degli addominali mantenendo contratta la parte inferiore, quindi rilasciare anche la parte inferiore. A questo punto l’onda verso il basso è completata e si può ricominciare da capo.

Per ricordare meglio le diverse fasi, partendo dall’alto verso il basso, possiamo tenere a mente la sequenza “dentro, dentro, fuori, fuori”.

Bellyroll up & down

Non c’è bisogno di coordinare la respirazione al movimento, o per meglio dire, il movimento non si ottiene grazie ad un particolare tipo di respirazione.  Se così fosse, rallentare o velocizzare l’esecuzione, influenzerebbe in modo fastidioso anche il ritmo della respirazione. Quando si impara a controllare la muscolatura nel modo corretto, si può eseguire una serie di bellyroll, continuando a respirare e a parlare normalmente, come se niente fosse.

Attenzione: nel rilasciare i muscoli addominali, l’addome non deve essere spinto in fuori, ma solamente rilassato in posizione naturale.

Tratto da “Danza del Ventre Movimenti e Figure – Manuale Completo” di Renata Bandelloni. http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=249506

Annunci

Danza del ventre e chakra

La danza del ventre ha un forte potere rilassante ed è in grado di farci sentire meglio, anche quando le giornate sembrano partire con il piede sbagliato. Danzando solo per pochi minuti su una musica che ci piace, sentiamo subito un senso di maggiore leggerezza e liberazione.

Secondo la tradizione orientale, nel nostro corpo esistono sette centri energetici principali chiamati chakra, che ne regolano il flusso di energia. Il corretto funzionamento di questi centri energetici influenza la nostra salute sia fisica sia spirituale. Ogni chakra è associato ad un diverso colore e questi colori sono gli stessi utilizzati nella cromoterapia. Molti dei movimenti della danza del ventre, stimolano le zone in cui sono posizionati i chakra.

Qui in seguito, vediamo una tabella riassuntiva che mette in relazione ciascuno dei sette chakra principali con alcuni dei movimenti di base della danza del ventre che li riguardano.

Simbolo Chakra Significato Movimenti
Primo
o
Radice
(Rosso)
Localizzato alla base della colonna vertebrale, è legato al nostro istinto di sopravvivenza, stabilità e fisicità. Passi con il piede ben poggiato a terra, tipo passo folk, e shimmy. Stabilità.
Secondo
o
Sacrale
(Arancione)
Localizzato nella parte inferiore dell’addome, influenza la sessualità e le emozioni. Passi con scivolamento dei fianchi, movimenti per l’isolamento del bacino.
Terzo
o
Plesso solare
(Giallo)
Localizzato alla base dello sterno, è legato alla forza di volontà, autonomia e alla capacità di prendersi cura di se stessi. Isolamento dei muscoli addominali: rolls, flutter e accenti.
Quarto
o
del Cuore
(Verde)
Localizzato al centro del torace, legato ai sentimenti di amore e compasione e alla percezione del collegamento tra fisico e spirito. Movimenti in isolamento del busto, in particolar modo sollevamenti, scatti, contrazioni.
Quinto
o
della Gola (Blu)
Localizzato appena al di sotto del pomo di adamo, influenza la capacità di comunicare e di esprimersi. Movimenti delle spalle, scivolamenti e cerchi in orizzontale della testa.
Sesto
o
Terzo occhio
(Indaco)
Localizzato tra il centro della fronte e le sopracciglia, è legato al senso della vista e alla capacità di intuizione. Danzare guardando negli occhi una compagna per affinare l’intuizione dei movimenti. Lavoro sull’espressività dello sguardo.
Settimo
o
Corona
(Viola)
Localizzato alla sommità della testa, è legato alla conoscenza, alla saggezza e alla spiritualità. Rotazioni e mezze rotazioni della testa accompagnate dal movimento dei capelli, danzare lasciandosi andare alla musica. Giri di diverso tipo.

Per meditare danzando, è consigliabile iniziare dai movimenti che agiscono sul primo chakra e a seguire in ordine fino al settimo, ed infine il movimento per il risveglio di kundalini: un “reverse camel” o ondulazione rovesciata del corpo, associata alla vibrazione prima dei fianchi e poi delle spalle, terminato portando indietro la testa. Comunque sia, chakra o non chakra, kundalini o non kundalini, è una combinazione di movimenti che porta sempre un gran senso di liberazione.

Tratto da “Insegnare la Danza del Ventre” di Renata Bandelloni: http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=561204


Free bitcoins

Insegnare la danza del ventre: gestire gli errori

998276_10202080578600984_1114294228_n Quando ci si accinge ad insegnare la danza del ventre, bisogna essere in grado di individuare le possibili cause che portano ad una esecuzione errata dei movimenti da parte delle allieve, così da poter apportare le dovute correzioni, in modo immediato ed efficace. Quando si osserva l’esecuzione errata di un movimento, le cause principali possono essere essenzialmente due:

  • errata postura
  • errata tecnica di esecuzione.

L’errata postura è una delle cause primarie di errore, soprattutto all’inizio, quando bisogna prendere ancora confidenza con i nuovi movimenti e con la giusta impostazione corporea da mantenere. L’errore può generarsi anche a fronte di un difetto di comunicazione, a causa del quale, la corretta tecnica da utilizzare non è stata recepita nel modo corretto. A scanso equivoci, quando vedete che il movimento non è eseguito correttamente, ripetete sempre la spiegazione. Osservate attentamente la postura dell’allieva e cercate di capire cosa non va. La perdita della postura può essere causa di numerosi difetti di esecuzione. Nel caso in cui la postura sia corretta, ma il movimento risulti sbagliato, molto probabilmente si è in presenza di un difetto nella tecnica da adoperare. In questo caso, può non essere sufficiente spiegare nuovamente la tecnica come abbiamo già fatto, anche se è comunque la prima cosa da fare. Bisogna trovare la giusta via per fornire una spiegazione che sia in sintonia con i canali di percezione delle allieve. Se dopo aver ripetuto più volte la spiegazione in un certo modo, il movimento non è stato ancora acquisito, significa che potreste non essere state chiare, oppure che l’allieva ha bisogno di avere una spiegazione diversa.

Tratto da “Insegnare la Danza del Ventre” di Renata Bandelloni: http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=561204

Free bitcoins

Danza del ventre – Cabaret style bellydance

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: